Bater el formento

Bater el formento

di Santagiuliana

Una volta ci si nutriva essenzialmente con tutto quello che si ricavava dalla terra: ortaggi, legumi, cereali. Tra i cereali spiccava el formento (frumento), dal quale si otteneva la farina per il pane e la segala per l’alimentazione delle bestie.
Il formento veniva seminato in autunno, raccolto verso luglio-agosto e battuto a settembre.

Nella contrà (contrada) tutti si prodigavano nella raccolta: uomini, donne e ragazzi partivano con il loro sesolòto (arnese tipo falcetto, più stretto e curvo, con il manico lungo circa 20 cm) e, tra un canto e l’altro, tagliavano il formento e lo raggruppavano in segaline (mazzi legati con la paglia), che venivano messi a crosetta, incrociati, con le spighe verso l’alto per asciugarle.
Dopo qualche giorno venivano raccolte e messe nel granaro (granaio) o nei pidùi (poggioli) per essiccarle.

Al momento della battitura le segaline venivano portate sull’ara, terreno spianato davanti alle case per battervi il grano e sgranare i legumi.
Il formento veniva battuto ripetutamente con il lejaro, arnese formato da due bastoni in legno, snodati e legati assieme da una striscia di cuoio, finchè i grani uscivano dalle spighe.

Poi si raccoglieva la paglia, la si legava con le stroppe, rami giovani di salice, si eliminava la paglia e gli scarti più grossi con il restèlo (rastrello), si raccoglieva il formento con la scopa e lo si metteva nei sacchi. I ragazzi e i bambini aiutavano raccogliendo il formento da terra e setacciandolo con il tamiso (setaccio in legno). Alle donne il compito di fare da mangiare: polenta, pane, formaggio, patate…

Era festa per tutta la durata della battitura, si lavorava, si mangiava e si beveva: graspìa, grappa, vino...

Batere el formento
Batere el formento - XXI Chiamata di Marzo 2018

Ringraziamenti

Ringraziamo sentitamente tutti i capicarro della XXI edizione e quanti hanno contribuito all’aggiornamento del sito con invio di foto e testi ricchi di notizie storiche, curiosità e testimonianze derivanti dalla tradizione recoarese. Un ringraziamento speciale agli alunni dell’Istituto Comprensivo “Floriani” (Scuola Secondaria di 1° grado) di Recoaro Terme, coordinati dalla prof.ssa Manuela Santagiuliana, che hanno collaborato attivamente e con entusiasmo alla realizzazione della sezione dedicata alle Contrade di Recoaro, con testi e foto personali.

Ringraziamenti e Riferimenti bibliografici

Contattaci e chiedici maggiori informazioni

Inserisci il tuo nome e cognome.
Inserisci il tuo indirizzo email o un numero telefonico per essere contattato
Input non valido
Valore non valido
Chiamata di Marzo XXI edizione 2018

Seguici su Instagram @chiamatadimarzo